Slider
Slider

Perché sostenere la mostra

Sostenere la mostra beethoveniana significa partecipare a un progetto culturale di respiro internazionale, costruito su solidi valori e che offre a sponsor e partner ampie opportunità di relazioni e di visibilità.  


I valori della Mostra

  • Il valore e la qualità intrinseca della Collezione Carrino, ricercata per le più importanti esposizioni beethoveniane nel mondo e qui proposta ai massimi livelli, come mai prima.
  • Il valore aggiunto di un moderno allestimento multimediale, che favorisce un approccio esperienziale al percorso espositivo, connotandolo con contenuti e linguaggi innovativi.
  • Il sostegno di autorevoli collaboratori scientifici e importanti Istituzioni universitarie e museali (in primis la Beethoven-Haus di Bonn) in ambito internazionale, che diventeranno portatori d’interesse dell’evento in Europa e nel mondo. 
  • La collaborazione strategica con Musei, Conservatori, Teatri, Fondazioni e Associazioni culturali di primo piano del territorio, che daranno risonanza al progetto e lo integreranno con eventi collaterali e/o proposte complementari.
  • Il contributo alla conoscenza e alla valorizzazione di un eccezionale patrimonio culturale (la Casa Museo Biblioteca Beethoveniana) del Friuli Venezia Giulia, che va oltre la mostra in sé, in una prospettiva a lungo termine.
  • La valenza territoriale del progetto, che coinvolgerà profondamente Associazioni e Scuole, di ogni ordine e grado, per la natura multidisciplinare e narrativa della mostra.
  • La volontà di elevare la mostra a evento culturale d’importanza primaria per Pordenone e il Friuli Venezia Giulia, ospitandolo nella centrale Galleria Harry Bertoia,  uno spazio espositivo di prestigio, attrezzato anche per accogliere concerti e conferenze in concomitanza con l’iniziativa.


Le opportunità della Mostra

  • L’opportunità offerta agli sponsor di valorizzare la propria immagine o le proprie campagne di comunicazione attraverso la figura e l’opera di Ludwig van Beethoven,  con la disponibilità d’iconografia esclusiva.
  • La visibilità di sponsor e partner culturali, a livello locale, nazionale e internazionale, in particolare nei Paesi limitrofi e nell’area germanofona, grazie sia all’attrattività universale dei contenuti disponibili anche in inglese e tedesco, sia ad azioni di comunicazione e di co-marketing attraverso potenti e/o strategici canali (p.e. Musei Civici di Venezia o Giornate del Cinema Muto).
  • Un progetto di comunicazione “su misura”, che valorizza i sostenitori a differenti livelli, prevedendo sia azioni above the line in Friuli Venezia Giulia e in Veneto, sia azioni below the line in Italia e all’estero, avvalendosi di un ufficio stampa e di autorevoli portatori d’interesse (con particolare riferimento alle collaborazioni scientifiche).  
  • La disponibilità di un sito d’informazione/divulgazione della mostra, in due lingue, già da febbraio ’20, con dominio www.lvbeethoven.eu, dove saranno progressivamente inseriti i loghi degli sponsor.
  • La promozione internazionale, in largo anticipo, della mostra, in particolare attraverso i canali di PromoTurismo FVG, o altri eventi culturali in target (Mostra di Illegio).
  • La molteplicità di destinatari (in ambito musicale, artistico, letterario, filatelico, pubblicitario, cinematografico, collezionistico, ecc.) che moltiplica le opportunità di divulgazione dell’evento e quindi la visibilità degli attori e degli sponsor.
  • La programmazione di concerti, incontri ed eventi musicali nel periodo e nella cornice dell’esposizione, che amplia il potenziale pubblico della mostra.
  • La centralità della Galleria Harry Bertoia nella Contrada Maggiore di Pordenone, che si presta ad azioni di street marketing, atte a valorizzare in modo creativo gli sponsor.
  • La risonanza del 250° Anniversario della nascita di Beethoven e la programmazione della mostra nel periodo di massima intensità culturale della Città, in concomitanza e in collaborazione con altre manifestazioni d’importanza nazionale e internazionale (p.e. Pordenone Legge e Giornate del Cinema Muto).